Camminata dei Cretini (Firenze-Siena in 4 giorni) [BOZZA] •PDF• •Print• •E-mail•
•User Rating•: / 7
•Poor••Best• 
Viaggi
•Written by Riccardo Carlesso (con contributi dei commilitoni)•   

DSCN1677 Partenza Firenze piazza della Signoria.JPG

DSCN2006 Arrivati a Piazza del Campo.JPG

Giovedì 1 Maggio
Piazza della Signoria, Firenze

Domenica 4 Maggio
Piazza del campo, Siena

Intro

Eravamo quattro amici al bar, che volevano far qualcosa di diverso. E dal professore partì l'idea: camminiamo da Bologna a Firenze! No, aspettate, tropppo lunga, facciamo Firenze Siena che c'è più gnocca, pardon, meno chilometri! Dai dai, ci facciamo tutto il Chianti, alla peggio beviamo vino buono, e le colline sono meno aspre dell'appennino. Ecco a voi i 4 cretini componenti:

 Il vice-presidente nonché professore Andrea aka Aladano. Vera mente della vacanza, esperto di viaggi ai confini dell'universo conosciut, ci delizierà con varie massime per tutto il viaggio.    Il neo-segretario Riccardo (non me ne voglia il Levriero, deposto in contumacia) aka Palladius.Nei momenti di silenzio erudirà i presenti sulla fisica e matematica, in particolare sulla forza di Coriolis. Si persuaderà a coprire il collo solo alla terza ustione del medesimo.
 Il presidente Maurizio 'Fraffo' Guerra. Ci intratterrà simpaticamente  di notte con suoni laddove nessuna frequenza ha mai osato spingersi.

 

 Il cretino simplex Giampaolo aka Sherpasò (formerly Ciapasò). Freno a mano tirato, ma anche  faccia da sberla della nostra Z-team: sarà il nostro front end politico commerciale per le relazioni internazionali con Bed & Breakfast, ristoratori, puttane, turisti, insomma tutti quelli che incontravamo.

Il tutto da farsi in 4 giorni (o meglio 4 dì)  e per complicare la cosa dobbiamo sbronzarci tutte le sere, alzarci tardi e camminare solo nelle ore più calde! Ce la possiamo fare? Dai, andiamo!
Il percorso della camminata lo trovate cliccando QUI.

Gugol mappe:


PS Spingendosi ulteriormente nella sperimentazione linguistica, il Carlesso utilizzerà una "nuova" trovata di sua invenzione (pensata 20' fa sotto la doccia rigenerante di fine viaggio in cui il Carlesso ha perso 6 etti di sporco, da 90.2 a 89.6): il solinvèr. Alcune parole del testo verranno rese in questo splendido slang di invenzione assolutamente carlessiana... ;)
PPS trattandosi di una camminata tra 4 anziani goliardi, si sconsiglia la lettura a deboli di cuore, minori di 18 anni e fervidi cattolici.
PPPS
Difficile è dare una definizione complleta e inequivocabile di cretino. Ci si è provato spesso, tra noi cretini, a darla. Quanto di più simile a verità si è mostrato essere quanto segue: "Dicasi di persona che, dopo una avvenente gioventù in goliardia, abbia varcato ahimé la somma dei 30 anni, e abbia dunque meritato un upgrade sociale da goliarda a cretino". Una sola cosa è certa: Cretini non si nasce, si diventa.

Giovedì 1 Maggio
   7.00 ritrovo in stazione di Bologna, un sacco di gente in treno per l'esodo del primo maggio.

7.05 La prima massima del giorno. Il professore Aladano commenta "meglio un pelo di f**a che un pelo di gatto".
7.26 Si parla di dove andare, come andare, che percorsi fare e Andrea ci regala una seconda massima: "Nord sud ovest est ma in fondo quel che cerco neanche c'è". Si parla di Parigi, una città piena di pale e anche di coglioni (ad essi attaccati). Questa non l'ho capita, chi me la spiega?
9.00 Firenze: Lauta colazione a fianco della chiesa di SMN. Gli avventori sono imbarazzati dai nostri zaini. Spioviggina e siamo un po' smaronati a riguardo.

9.42 Siamo in Piazza della Signoria. Si parte ufficialmente. Foto di gruppo da parte di uno straniero. Siamo gli unici italiani in piazza.
10.05 Vedo il giardino di Analena dopo Palazzo Pitti. lo dico per sembrare colto, ma in reatà me l'ha dovuto dire una passante dopo che gli altri tre (dopo avermi dato dello gnorante, mi han detto "sì, lo so, è palazzo.... sì dai... presente?")
10.55 Siamo a Galluzzo, ha smesso di piovere e c'è qualche scorcio di sole. I k-way ringraziano. Asfalto e pianura fan sorridere le gambe in attesa della grande fatica che ci si para davanti. Siamo già sbracciati.
11.25 Lasciamo dietro di noi l'autostrada Firenze ???, ed entriamo nella zona di Impruneta. Prendiamo la Cassia e poi svolteremo a sx per la strada dei vini.
11.50 stiamo a 5km da Impruneta e le chiacchiere scorrono copiose. Scampoli sillogistici e di slang bolognese:
Andrea: qui non troveremo nessun sentiero.
Ric: Gugol maps coi sentieri non aiuta (il mio prode BlackBerry ha Gugol, NdR)
Andrea: la mia mappa men che meno.
Ric: sì ma men che meno fa più, quindi ce la possiamo.
(Questa battuta viene citata in quanto - pur scientifica   - ha suscitato l'ilarità dei tre miei compagni.)
Andrea cita: "erba bagnata profumo di chianti".
Per non esere da meno, il Carlesso e il Ciapazaurg si dilettanod i battute in latino:
Ric: petare non peto.
Ciapasò: petare non olet.

 12.25 Fermata alla fermata dell'autobus di Bagnolo di Cantagallo.13.18 Io e Mauri aspettiamo il Prof e Sherpaolo ( per la chitarra che gli port'ora io) all'inizio di Impruneta.13.45 siamo in centro a Impruneta e ci fermiamo all'osteria Antica Sosta (via della croce 8, Impruneta FI, 055-2312249). Chiediamo di mangiare fuori. L'oste dice "vi metto a sto tavolo cosi il sole vi scalda" e io rispondo "spero non sia l'unico a scaldarci, e che ci aiuti anche il suo chianti" (leccata di culo poetica per lo sconto alla cassa). Posto splendido. Diciamo all'oste che vogliamo andare a Strada in Chianti entro sera e ci dà suggerimenti. Ordiniamo affettati, maccheroni al ragù in chianti, pici al cacio burro pepe. In piazza c'è un piadinaro con Beppe Grillo che urla che i bolognesi sono uvunque, ogni isola, ovunque vai sempre lì a mangiare. Non posso far a meno di dire al piadinaro che sono bolognese e che sto andando a pranzo. Se non foste stati là non ci credereste, ehi ma voi non ci siete stati!!! Beh, allora vi tocca un atto di fede (ebbene sì, Federico è un mio amico drammaturgo).

14.50 seconda boccia di chianti. Il vino scorre a fiumi, e son lucidi gli sguardi. La famigliola vicina ci guarda stranita.
14.57 Ciapa a fine pasto: I say that I'm beautiful at place (me a dig c'a son bella a post!).
L'angolo della comicitià, si parla di cinema e di Tarantino e in 5 secondi cosa vi snoccioliamo?
Ciapa: A me piace non Tarantino, ma il marito di Madonna
Palladius: chi Madonno?
Andrea: no, Giuseppe.
Fraffo: certo che come regista è proprio un falegname!
Ciò a dimostrare che il chianti funziona. 15.30 c'è un sole della madonna, e dico: se continua cosi, it goes fat! Risata generalizzata (potere del chianti, di solito le mie battute chi le fila!).
16.00 Al locale, tronfi di chianti, facciamo un concertino al pianoforte con stornelli pisani: i maragli fiorentini del tavolo a fianco ci plaudono. Non credevano che quattro pancabbestia come noi potessero saper suonare uno strumento, o financo esser laureati (scusatemi, ma io ho notato lo sguardo che aveano prima che ci presentassimo e dopo, ma vabbè non sono in vena di polemiche). Paghiamo e ci reincamminiamo.
Da bravi goliardi prendiamo la route 69 (sp), direzione Strada in Chianti.
16.55 ci addentriamo per la strada Terre Bianche ma poi degli autoctoni ci consigliano di tornare indietro e andare a Ferroni. Depressi ci fermiamo a 'rifiatare'. Sono ormai le 5.
Ci raccontiamo con quante abbiamo avuti rapporti. Vince uno di cui non faccio nomi con 53. Sono depresso dato che mi piazzo al terzo posto.
17.30 Aladano sfodera la chitarra: stornelli pisani, doppio nodo e una nuova improvvisazione su Sherpasò (Siam partiti alla volta del Chianti / C'era anche sherpasò ...)
Passiamo da Sodera.
18.22 scopriamo che oltre che cretini siamo anche somari, dato che portiamo la soma.
Spiego a Ciapasò la mia teoria cinetica sulle tette per giustificare che chitarra a penzoloni a parità di peso perde piu energia. Quindi donna tettona con reggiseno iperstringente nel jogging brucia meno calorie, ergo donne tettone per dimagrire fate jogging senza reggiseno!
Arriviamo ad un bellissimo agriturismo (Il Leccio, via Case Sparse 35, Strada in Chianti (FI) 055-8586103). Il posto è SPLENDIDO.
I proprietari ci offrono subito una boccia di Chianti nel dirci che i posti sono tutti occupati. Dopo un paio di telefonate ci accertiamo che nel raggio di 3km non ci sono posti letto; i proprietari mossi a compassione accondiscendono a farci accampare le tende in un loro parchetto privato.
20.10 verso centro. Sagra paese piadinaro vende panino con lampredotto (stomaco di vitello bollito) e olio pepe sale e salsa verde.
Da Marchino il mago del panino ci facciamo bis con misto di affettatoni e formaggi. Finiamo sulle 21.30.
Ciapaso al telefono (con la morosa, presumo): mi fa male tutto, ho anche il culo rotto!
E io: non dirglielo, ammmore! Doveva essere un nostro segreto!
E lui: Ehi, Ric, è mia mamma!
E tutti: Ric, diariooooo! (ed eccomi qui a trascrivere!)
Caffè e bisogni al bar di piazza, da cui usciamo sulle 22.
Guardiamo la mappa, Marchino ci suggerisce un agriturismo vicino a Panzano (galeotte queste parole e chi le disse...).
Andiamo al bar sulle 21.30 con varie tappe amaro/cesso. Dopo un'ora torniamo al campo con le due bocce d chianti preventivamente ordinate.
Cantiamo tante canzoni tra cui emerge il Chianti Medley Bulgnais che fa pressapoco così: "aié chi andeva / par imparer / chi g andeva par cagher / chi g'na on / chi'g na tri / chi g'n'à on in tal di dri!" Con musica del cosacco.

Venerdì


Sveglia 8.15. Siamo tutti acciaccati (e quel che è peggio il mio BB è scarico: mi manca più una presa di corrente di una doccia!!!).
Ci vestiamo e facciamo colazione. La colazione è squisita: torte, yogurt e marmellata, succhi caffè e croissant. Frattanto carichiamo i nostri assetati cellulari. Gli stranieri li abbiamo visti partire in pullman mentre noi entravamo nella splendida casa colonica, quindi la sala è tutta per noi. Flirto un po' con Eleonora (la figlia della proprietaria) mentre saldo il conto chianti/colazione.
Torniamo a disfare le tende dopo esserci alternati al WC e dopo esserci fatti spiegare alcuni sentieri.
10.30 Partenza: Ciapazurg ci chiede supporto per la chiusura della tenda alché rispondo: 'sarebbe un mondo migliore se avessimo tre mani'. poi ci penso su e aggiungo: 'oppure due mani e cinque peni, di cui però uno opponibile'. Ci rimettiamo in cammino parlando di frenuli.
11.45 siamo a Chiocchio. Ri-Colazione ar barre.
12.00 chiedo: dov'è Panzano? Boh, ma sopra petano.
Spedaluzzo tagliamo (x Collegalle ma non ci andremo mai).
13.20 sbuchiamo da Caprignalle sterrata a strada a Greti verso Greve sulla SR222.
Alle 14.20 siamo e pranziamo a Greve, ci fermiamo alla pizzeria La Cantina. Siamo a fianco di un tavolo di francesi, dove intorto la bimba di 12 anni. Chi pasta chi pizza. Chi dolce, chi in bagno.
16.22 prendiamo sotto mia iniziativa viuzza dalla piazza che si raccorda alla bella strada di choaralle???
17.49 Dopo mille peripezie abbiam fatto il sentiero per la cima e a dieci metri dalla strada un uomo ci consiglia un'altra sterrata. Bivio dopo bivio scelto dal nostro afagtutmè Carlesso, i nostri sono scorati e giungono da. /igi il
18.45 siamo gioiosi di essere a Panzano. Andiamo per cercare via e numero e Ciapasò si accorge che è 5km oltre.
Farmacista e un'avventrice (straniera) si prodigano ad aiutarci a trovar da dormire, chiamano 4-5 posti e tutto pieno.
Arriva Alessandra alle 20.00.
Ci trova sgomenti davanti alla farmacia e alla coop dove i farmacisti si son prodigati a infilarci in ogni buco (tranne quello della farmacista purtroppo!)
Doccia (provo piscina ma acqua GELIDA)
21.25 partiamo per il risto pre prenotato per le 21.45.
Il locale è molto fighetto.
Attendiamo fuori.
21.45 Fraffo: "se cammino come robocop non è per fare lo sborone, è per il male intra coscia!"
Chiedo un Chianti Filigari 2006 e il tipo mi dice bravo, facendomi un cuore così. Leggere al cesso stamane è servito (leggevo che la zona di Filigari è famosa per le particolari terrazze per ottimizzare pioggia e sole).
23.55 finiamo il secondo e ordiniamo il caffè.
Portiamo un altra boccia di Filigare a casa, sconto su 12€? No, 21€ e io: no ho letto bene! E la tipa: si hai letto bene per mezza bottiglia!
23.45 partiamo a piedi verso casa, col gruppo che mi odia perchè convinto che sia tutta colpa mia.
A mezzanotte Carlesso impazzito e infreddolito decide di partire d'avanguardia con le chiavi. Ovviamente si perde, e i ragazzi lo chiamano perchè son chiusi fuori.
Alle 00.20 siam tutti in casa.
Si parla di ricerca universitaria e sesso. C'è fuga di cervelli e fuga di piselli (Ciapaso), e Aladano: le fave di fuca e io: le fave in fuga! E Fraffo: Ricky abbiamo il nome per il gruppo!
Fraffo ci abbandona sulle 1.45, noi lo seguiamo sulle 2.15.

Sabato

Sveglia (io) alle 9.10.
Ho delle scottature e penso: Pecunia non olet, sed crema solaris si.
Sulle 10.30 anche Andrea è fuori. Ci incamminiamo in direzione Grignano, nel confine Firenze-Siena.
Si parla delle russate di stanotte. Fraffo ha fatto un concerto della madonna.
10.45 si parte, passiamo da cantina Nittardi e 11.40 iniziano le conifere.
Andrea: un brivido da freddo l'ho provato in Mauritania... E io: Maurizio invece in adreitania.
Tutti ridono e davanti a un Ric attonito dicono di segnare.
Fraffo va a cagare e vanta le dimensioni del bambino. Ciapaso dice che abbiamo l'invidia dello stronzo. Tre pellegrini seduti sul ciglio della strada applaudono.
Dopo un po' approdiamo alla Sp76, la veduta è splendida.
13 siamo a Castellina in Chianti, un sacco di gente ciclisti ristorantini splendidi ma cari o chiusi.
13.20 ci fermiamo in un ristorante nel centro di Castellina (Tre Porte, 0577-741163). Posto bello e cheap ma piatti lillipuziani. Ci facciamo una tagliata di cinta con fagioli all olio e patate. La tagliata è ottima, sebbene facciamo fatica a mangiarla perché troppa (laddove i primi eran troppo esigui). Il sole è alto e i nostri amici son fuori a fumare.
14.39 salta su Ciapasò ad alta voce: ooohhhh! Adesso ci starebbe proprio un bel chinobo!
Usciamo intorno alle 15.
15.26 Prenotiamo B&B a Vagliagli (Stanze a 95€ a notte, cena no ma colazione).
15.45 siam fuori dal paese.
Ciapa: a Lecco c'è un rotari che si chiama la Lecco Bene. A seghe c'è il monumento ai caduti (I morti di seghe).
Trombone in relax.
17.50 incrocio x Vagliagli / Radda..
18.20 pausa sigaretta dopo località San Fedele.
Nella strada per Vagliagli richiamiamo l'agenzia chiamata prima dalla gentilissima Eleonora all'ufficio turismo di Castellina. 90€ a doppia ma sta a 800m dal centro. Fortuna vuole che alle 19.15 all'ingresso della città troviamo una località che coincide con quella dettaci da Eleonora: Casali dell'Aiòla (0577-322797).  La signora quasi non può crederci che in 2' siam già arrivati!
Entro in stanza con Mauri (squadra che russa non si cambia!) nel cui bagno a turno ci togliamo polvere dal corpo e altro dal colon.
Dormiamo un po' e alle 20.35 saliamo verso il paese dove la sgnaura di aiùl ci ha prenotato il cibo.
21.10 arriviamo trafelati al Antico Detto di Vagliagli (0577-322732, la tipa cortesissima ci aveva prenotato per le 20.30). I prezzi sono abbordabili. Tripudio di pici e affettati.
I nostri vicini sono spaventati da un coleottero, ma scopriamo in Mauri un improbabile entomologo: "è una cetonia, ci penso io, è innocuo come tutti i coleotteri". La coppia però continua a soffrire la presenza cetonica e quindi Maurizio va a prendere dolcemente la fiera ed l'allontana dagli astanti. Fine cena: abbiam mangiato da Dio spendendo poco: primo secondo dolce 25€ a crapa.
23.22 Il gestore dice: se volete vi portiamo a casa, tanto è buio. Tale Filippo ci porta a casa. E' molto buio. Qualcuno dice che è "buio come un culo di negro di notte".
23.45 Filippo (il moroso della proprietaria) si fa con noi la sigarettina della buona notte poi schitarrata insieme e ultimo chianti. Andiamo avanti a suonare e bere l'ottimo chianti dell'ostello fino alle 3. Quando finisce un chianti qualcuno va su, lo segna, e ne porta giù uno nuovo. Canzoni fatte:
  • Capitan uncino
  • Alibi + per quello che ho da fare
  • L'isola che non c'è
  • La società dei magnaccioni
  • Stornelli pisani (con via Panigale e porta Castello).
  • Vagliagli Medley (con studier/imparer/un tri/di dri).
  • Rifacciamo il medley (musica sotto Bocca di Rosa).
  • Sweet home Vagliagli
  • Faccetta nera (!!!)
  • Cosacco (versione Gilera argentana / canto del giovane fascista)
  • L'avvelenata
  • Locomotiva
  • The irish rover
  • Medley: ("Il fraffo è un gran trovatore / Può suonar la chitarra. X ore / E lo fa senza vergogna /Quasi fosse nato a Vagliagli").
  • Ballata di poche pretese.

Alle 3 andiamo a nanna. Andrea starà un po' male la notte e per Maurizio sarà duro il risveglio.

Domenica

0911. Sveglia a casa Fraffo/Palladius. Oggi si arriva a Siena, quale emozione!!!
Mi lavo poi strattono Fraffo x colazione. Gli altri son già lì che mangiano di gusto. Il B&B dove ci siam fermati a dormire è spettqacolare: associa qualità di B&B a cantina sociale. Il posto è di fronte al castello dove abitano i proprietari dell'aiola, di fronte al nostro B&B e più avanti c'è la cantina coi loro prodotti tipici tra cui chianti. Nel B&B c'é una stanza attrezzata con scacchi, lavello, giornali, poltrone e tanti vini. Chi prende (bottiglia o bicchiere) segna. Non vi dico il Giampaolo Padovani a fine nottata (dopo aver segnato due bocce de chianti aiola e altre due di riserva '04 e '05), quando la signora dice: "cos'avete preso ieri? Un po' di vino? Andrea: sì in effetti quattro..." Signora: "bicchieri ovviamente!" Andrea: "signora ma come si permette?".
11.10 Partenza da Vagliagli: i primi 5 minuti sono difficillimi perché dobbiamo risalire in cima al paese. Poi è tutta in discesa.
11.40 usciamo di strada per sterrata verso Torre. Dato che la strada è troppo facile e porterebbe dritto a Siena, e siamo in anticipo, per sicurezza prendiamo una sterrata. Ci perdiamo di brutto, facciamo erba alta etc. Un'esperienmza tragica. Siamo stanchi, scazzati e sconfortati, e ciascuno dà colpa all'altro per quanto successo. Siena è "faraway so close" o forse dovrei dire "closeaway so far".

 All'una siamo persi a metà tra Vagliagli e Petroio.
14.20 arriviamo a bar di Quercegrossa. I ragazzi si vogliono fermare a pranzo, mentre il Carlesso irrequieto vuole arrivare a Siena a piedi; si vocifera di prendere un autobus che in 15' ci porterebbe su a Siena.
15.05 il nostro eroe parte da solo per Siena. 6 km in un'ora, ce la farà? Dopo 50' ha fatto 6km e varca la scritta "SIENA", arriva a un benzinaio e interroga una bella gnocca "Scusa per Piazza del Campo?!? Manca molto" e lei: "m, no, saranno 6-7 km" e io: "dimmi che stai scherzando!" e lei: "dai, se non 7 5km sicuro!". Decido di spararmi o di seguire la regola del libro(*) e fare autostop con lei. Alla fine mi incammino. 

Passo per Porta Camolia e poi viuzza irta di negozi fino a Piazza del Campo!!!

1635 Vedo subito Barbara e Stefano, e dopo pochi minuti vedo i tre pellegrini spaparanzati sul selciato della piazza. Quell'autobus li ha stancati più della mia camminata, pare. Due chiacchiere e un gelato, alle 17.20 ci salutiamo e prendiamo il bus alle 17.50 per Firenze.
Bello perchè il primo e ultimo tratto di bus lo trovo molto familiare: il pezzo a piedi a Siena dal distributore in cui ho chiesto a una bella gnocca la strada per Piazza del Campo, l'uscita a FI con cartello per Impruneta e tutto il percorso a ritroso per la Certosa verso il centro, con la differenza che ora c'è il sole e che stranamente stiamo andando più veloci. Come quando stai per morire e ti passa tutta la vita davanti a supervelocità, ma a ritroso.

Sono bei deja vu, sembra una vita fa e stupisce pensare che siano solo 3 giorni. Ma che giorni, ragazzi! Eurostar FI-BO tutti pieni fino a tarda notte, allora prendiamo il suggerimento di un tipo a fianco: facciamo biglietto euronight cosi alla peggio paghiamo il biglietto integrativo ma comunque no multa.

Commenti dal sito goliardico

 Segue qui un banale copi/incolla del forum del sito www.goliardia.it. In tale forum ci dilettavamo a scrivacchiare ogni tanto con il blackberry palladiano, e il resto si divertiva (giustamente) a prenderci per il culo. D'altronde il mondo è diviso in chi la storia la fa e chi la segue, e sicuramente noi la fa!!!

 

grazie
( palladius, 2008-05-01 13:30:01)
Attualmente siamo a impruneta e ciapaso sta lentamente spirando stretto nell abbraccio degli amici (bestemmando in chiantigiano).

Ao fiorentini consigliarci un buon agriturismo o enoteca qui in zona? Svegliatevi pigroni!
 
ristorantino (tutto il thread)
( ciufa, 2008-05-01 14:42:02)
se non ricordo male al Bargino, che però è un po' fuori mano, c'è un ristorante che fa solo trippa e lampredotto...
 
Gli amici si vedono nel momento del bisogno.. (tutto il thread)
( ranaplan, 2008-05-01 19:32:47)
.. se ancora è cosciente, fagli sapere che saranno i suoi più cari amici a prendersi cura delle cose a lui più care dopo la sua dipartita.. Proprio tutte..

Ah.. se non ci fossero gli amici..!
 
Aggiornamento (tutto il thread)
( fraffo, 2008-05-02 22:08:02)
Allora, ci troviamo in un luogo vicino a castellino in chianti.
Dopo aver percorso circa circa 55 km presentiamo i seguenti sintomi:
fraffo: 3 vesciche ai piedi, caviglia destra storta 4 volte ed ancora miracolosamente integra, irritazione da sudore negli interni coscia zona pubica, scottatura solare sulle braccia, indolenzimenti muscolari vari.
Ciapasò: indice del piede sinistro fuori uso, irritazione da sudore zona pubica, 2 vesciche, mal di schiena cronico.
Aladano: 4 vesciche bilaterali su mignoli ed anulari dei piedi, leggera emorroide lato destro.
Palladius: non presentando sintomi particolari ha pensato bene di semi-fratturarsi due dita di un piede nel box doccia.
Non temete (ma non gufate neanche), ce la faremo!
 
Ma come... (tutto il thread)
( levriero, 2008-05-02 23:13:02)
Ma come non farcela...

Mauri TU hai superto scogli maggiori... ti ricordi la Russa a Tallin?

Aladano tieni duro come quella volta alla biglietteria a Genova....

Palladius... Sguisccchh... Ecco, mi si è rotta l'unghia...


Ce la farete Ce la farete... Siete Cretini....
 
E poi... (tutto il thread)
( levriero, 2008-05-02 23:21:55)
Doccia??!!
Ma non eravate in tenda????

Modernaaa.....

 
ne trovi... (tutto il thread)
( fera, 2008-05-03 19:54:44)
ne trovi quanti ne vuoi... tuttavia la prox volta fai una chiamata che te ne indico qualcuno.

Fera
 
Palladius? Tenda? (tutto il thread)
( tacco, 2008-05-03 21:16:02)
sono due parole che non suonano bene insieme.
 
Siamo vivi (tutto il thread)
( ciapaso, 2008-05-04 23:06:50)
e un pò eroici.
Ora muoio.

 

qui gatta ci cova...
qui gatta ci cova...
( feanor, 2008-05-06 10:21:46)
che fine hanno fatto, i nuovi testimonial dei compeed?
òcio, che fra un po' dovrete spingere sui pedali...
 
... (tutto il thread)
( d.pinae, 2008-05-06 11:22:48)
...ueh, ma la smettete, a Ferrara, di parlare per sottintesi???
 
..Bah.. (tutto il thread)
( pacman, 2008-05-06 11:38:25)
Con tutto il rispetto...se si parla di "compeed" di sottinteso c'è solo l'erpes che, a mio parere, sta meglio sottinteso che esplicitato :D
 
mi sa che Faina parli di noi... (tutto il thread)
( ciapaso, 2008-05-06 17:28:43)
...ci dobbiamo ancora riprendere, caro...
Pal è l'unico che quasi non ha accusato il colpo
Fraffo vive di notte come i vampiri per evitare un peggioramento dell'insolazione
Aladano l'ho lasciato che camminava ancora a Porta S.Felice e credo volesse tornare a casa a piedi: senza dubbio ha tirato dritto e adesso è quasi a Milano....

"a j'è ch'andèva pr'imparer
e chi andèva par caghér,
chi n'ha on, chi n'ha tri
chi n'ha òn in t'al dedrì"

trekkingciapasò
 
chi n'ha òn in t'al dedrì... (tutto il thread)
( feanor, 2008-05-06 18:09:43)
...igh fann vgnìr drett i cavì!
ma com'è possibile che il solo Ric sia tornato indenne?
ah, già: la razza della bassa!
 
Quante balle (tutto il thread)
( rotari nono, 2008-05-06 20:22:45)
Rotari VIII, fai conto che io sono il IX e il mio predecessore ha infelucato un pterodattilo, con un suo diadoco lo scorso anno si è fatto una passeggiata fino Santiago di Compostela, partendo da Mediolanum, sai noi del Misticus Goliardicusque Ordo Longobardorum Crucis di cazzate ne facciamo tante.
Comunque si è fatto anche il ritorno.
Saluti a tutti i pedestri
 
un caro saluto anche (tutto il thread)
( gimmigod, 2008-05-06 20:50:37)
ai pederasti
 
un caro saluto anche (tutto il thread)
( feanor, 2008-05-06 21:52:04)
agli orchiclasti
 
Beh (tutto il thread)
( palo, 2008-05-07 00:30:17)
Noi ci siamo evoluti, usiamo le auto
Una specie di carrozza che si muove senza cavalli...
Un saluto agli alfisti

Palo automunito
 
Make Text Bigger Make Text Smaller Reset Text Size

Menu Utente

Phoca Gallery Menu Module