Glossario •PDF• •Print• •E-mail•
•User Rating•: / 9
•Poor••Best• 
•Written by Riccardo Carlesso•   
•Article Index•
Glossario
•Page 2•
•Page 3•
•Page 4•
•Page 5•
•Page 6•
•All Pages•

Glossario di noi giovani

Ho cercato di raccogliere qui quante piu' parole tipiche delle città che mi circondano: tenterò dunque di esplorare modi di dire delle varie Ferrara, Bologna, Forlì, Rimini... Siete quanto mai pregati di spedirmi (se emilio-romagnoli) parole che non ho incluso!
Un particolare ringraziamento ai collaboratori che mi hanno fornito termini nuovi e correzioni: Stefano Giovannini, Fraffo, Karaoke, Andrea Fabrizi, Riccardo B., Bruno D.,Leonardo A., Dr. Nick, Francesco C., Francesca A., ...
Se volete contribuire anche voi all'opera... •This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it• !! (possibilmente mandandomi la parola con pronuincia, significato ed esempi così da facilitarmi il copia/incolla)

(versione attuale: 6.09)

A bòmba /a 'bòmba/ · molto: ne so a bomba, ne so a pacchi. 
A bùco /a 'bùco/ · veloce, forte: andare a buco, andare forte. 
A bùsso /a 'bùsso/ · veloce: andare a busso, andare veloce. 
A chiòdo /a 'chiòdo/ · veloce: andare a chiodo, andare veloce.
A cùlo col mondo /a 'cùlocol'mondo/ ·  non lo so, aiutatemi!
A lìtri /a 'lìtri/ · molto: ne so a litri, ne so a pacchi. 
A livélli /a li'vélli/ · molto: quella lì è bastarda a livelli.
A pàcchi /a 'pàcchi/ · molto: ne so a pacchi, sono davvero preparato. 
A rànda /a 'rànda/ · veloce: andare a randa, andare veloce. 
A trònchi /a 'trònchi/ · molto: ne so a tronchi, ne so a pacchi. 
Abbiòcca /ab'biòcca/ (FE) s.f. (ma si usa anche abbiocco) · stanchezza, sonnolenza. Abbioccàrsi /abbioc'càrsi/ v.tr. · addormentarsi per sbaglio a causa di un abbiocco. 
Addòsso /ad'dòsso/ · usato per enfatizzare (in una frase) una cosa sgradevole che si crede di avere: c'ho una fattanza - che mollami! Stàre addòsso /stàre ad'dòsso/ v.intr. 1assillare, stare dietro a, filare: Gallo mi sta addosso: ci prova con me. 1 stare antipatico, sulle palle: Gallo mi sta addosso: mi sta un bel po' antipatico.
Affrontàre /affròn'tàre/ v.tr. · Riuscire a reggere qualcosa (exp. usato per professori di materie ostiche): Analisi II con Matarasso proprio non s'affronta!
Ah dì! /a di'!/ (RN) [tipica inter. riminese] · Tipica interiezione riminese, che sta per: fa un po' te, vedi tu, con l'accezione di 'io non ci posso far niente': Oggi ho perso l'autobus! -!
Alla frùtta /'àlla 'frùtta/ avv. · Alla fine: sono alla frutta: ho già dato, sono stanco morto, non ce la faccio più. 
Alla Mariànna! /Alla Mari'ànna/ (RN) · Tipica interiezione riminese, che sta per: ossanto cielo, porca miseria, accipicchiolina. 
Alla vècchia /alla'vècchia/ avv. (BO) · alla buona, come capita: mangiare una pizza -: mangiarla con le mani.
Altro /'àltro/ avv. · convenzione usata dalla romagna bene nei negozi. Il cassiere chiede: "altro?" per sapere se la persona è a posto. Se non vuole altro la persona paradossalmente risponde: "altro!". Esempio: Altro? Sì, anche un etto di prosciutto e un po' di cipolline... Altro? Hm....altro.
Andàzzo /an'dàtzo/s.m. · andamento a grandi linee di una situazione. Andiamo a quella festa famosa? Ci sono passato prima e l'andazzo non era un granché...
Apparecchiàto /apparec'chiàto/ agg.s.m. (BO) · messo, vestito, che si presenta in un certo modo (usu. negativo): oh ma come sei apparecchiato?
Appicciàre /appic'ciàre/ v.intr. · accendere, dare un piccio, donde il detto chi riccia appiccia, di intrepetazione ignota alla Bologna bene. 
Attizzàre /attit'tzàre/ v.intr. · attirare, ispirare sesso, risvegliare gli appetiti sopiti: quella bionda m'attizza una cifra!
Avére (già) dàto /a'vére 'dàto/ v.intr. · avere già fatto tutto il possibile tanto che non si può più continuare, usato spesso in risposta a domande propositive: Facciamo un ultimo salto in pista?!? No, grazie, io ho già dato!
Baccagliàre /bacca'gliàre/ (MI) v.tr. 1 concupire: quella là è un bel baccaglio! Quella me la baccaglierei troppo! 2 tampinare: quel serpente di Marcello mi baccaglia la morosa! 3 agguantare (e non mollare la presa): è tutta sera che baccaglio stretto una tipa...4 usufruire di (qualcuna): ieri notte abbiamo finalmente baccagliato!5 ciozzare (vedi ciozzare): le ragazze passano ore a - dei ragazzi
Bagattàto /bagat'tàto/  (FE) s.m. · Malconcio, mal messo: c'ho il joystick bagattato, non va più l'autofire! Ieri sera con tutto quell'alcool mi son proprio bagattato! (Um son bagattè!)
Baldòne /bal'dòne/ (FE) s.m. · Cesso (specialmente usato per brutte ragazze). 
Balòtta /ba'lotta/ (BO) s.f. 2 gruppo di amici, preferibilmente di Bologna: stasera non posso, esco con la mia -. 2 Casino costituito dalla riunione di molti amici: fare -, fare casino in compagnia; fare qc in -, fare qc tutti insieme. 
Bàmba /'bàmba/ (MO) s.f. · Bamboccio, deficente: oh, ma sei proprio un bamba!
Bambanàre /bamba'nàre/ v.tr. · parlottare, dire, alludere: cosa bambani?!? Cosa stai farneticando? 
Bastàrdo déntro /ba'stàrdo 'déntro/ s.m. · Particolarmente bastardo: ma allora sei -!
Battezzàre /battéd'zare/ (BO) v.tr. 1 lasciare perdere, dar su: Reti logiche l'ho battezzata perchè era troppo difficile! 2 venire a conoscere, capire (usu. di persone) Diego l'ho già battezzato: ho già capito che tipo di persona sia. 3 Dare un soprannome: Ferri al prim'anno ci ha battezzati tutti!
Bàzza /bad'za/ (BO) s.f. · Cosa, affare. Usato perlopiù nel caso positivo: Ho una - per avere quel CD a metà prezzo | che -! Bazzigàre /badzi'gàre/ (BO) v.intr. · Avere a che fare con qu, frequentare un certo posto, essere imbazzato. Imbazzàto /imbad'zato/ s.m. 1 collegato in qualche oscuro modo con qc o qu: Riccardo è - con una bella biondona. 2 avente le mani in pasta, raccomandato, avere delle bazze di ignota origine: Perché lui entra gratis? Mah...sarà -!
Bècca /'bècca/ s.f. · pene. La regola del beccone non sbaglia mai (Gem Boy)...
Beccàre /bec'càre/ v.tr. 1 cuccare, prendere. Ma sai che ieri sera ho visto Titrombo per caso in stazione?!? 2 (FE) pungere, specialmente con punture causate da insetti. Ho 3 becchi in fronte, maledette zanzare ferraresi!
Biacòcco (TA) · fessacchiotto, mezzo addormentato.
Bidòne /bi'done/ s.m. 1 luogo dove si butta la spazzatura, cestino. 2 (fig.) (di ragazza) brutta, inguardabile.  Bidonàre (fml. dare un bidone) v.tr. · Mancare all'appuntamento con qu: ieri l'Antonella mi ha bidonato
Bìro! /'biiiiiìro!/ s.f. (BO) · parola dai multipli significati (etimologia: da 'te lo scrivo': con cosa scrivi? Con la biro! Donde la metonimia) usata come interiezione 1 qualche cosa non va, che sfiga, cheppalle, che rabbia: Scacco matto e te lo scrivo! Biro! Avevo quasi vinto! 2 Vuoi far sesso con me? (ancora in fase sperimentale) 
Biòzza /'biòzza/ s.f. (BO) · abbiocca. 
Boccheggiàre /bocched'giàre/ (BO) v.tr. · trovare, incontrare, scoprire: ieri vi ho cercato in piazza ma non vi ho mica boccheggiato!
Bònza /'bòndza/ (FE) s.f. · Prominenza della pancia derivante da troppo cibo o (più frequentemente) da alcool.
Borazzòne /borat'zone/ (FE) s.m. · sborone. 
Bòrraz /'bòrratz/ (FE) s.m. · sborone, letteralmente forma contratta per borazzone. 
Bòtta /'bòtta/ s.f. 1 colpo, usu usato dai giovani nel senso dell'alcool: dopo aver polaccato sto cocktail m'ha dato una - che non ci sto più dentro! 2 colpo subitaneo causato dall'azione di una matrice su uno spazio vettoriale: C'è la matrice T-1 per A per B che dà una gran - allo stato! (Castaldi) 3 Atto sessuale fine in se stesso: le darei una botta e via: ci copulerei ben volentieri ma senza coinvolgimento sentimentale.
Bozzìllimus /bod'zìllimus/ s.m. · Avente una bonza non indifferente: Simpanal è bozzillimus!
Brànda /'brànda/ (BO) s.f. ·  letto, soprattutto usato nella forma: vado in -: vado a nanna. 
Brénso /'brénso/ (FE) s.m. · tosto, duro, difficile: quest'esercizio è davvero -!
Brésca /'brésca/ s.f. ·  fattanza, ubriacatura. Imbrescàrsi /imbré'scàrsi/ s.m. ·  ubriacarsi.
Brìna /'brìna/ s.f. 1 (FE) freddo, polo: che brina che c'è a quest'ora! 2 (BO) Abbiocca, goffaggine, smaronamento: mè, ma che brina c'hai oggi?!?
Bròda /brò'da/ s.f. · Carburante per il proprio veicolo: benzina e/o miscela. 
Brònza /'brònza/ s.f. · rumore sgradevole emesso col posteriore, scorreggia: mollare una -: scorreggiare. 
Bùlbo /'bulbo/ (BO) s.m. · Capigliatura, insieme di capelli: mè, ma che bulbo c'hai oggi? C'hai un bulbo della madonna!
Bùrella /bu'rèlla/ (BO) s.f. · Prominenza della pancia derivante da troppo cibo o (più frequentemente) da alcool. 
Busòne /bu'sòne/ (BO) · Omosessuale. 
Bùzza  /'bùddza/ (BO) s.f. · Prominenza della pancia derivante da troppo cibo o (più frequentemente) da alcool: Il Simpa c'ha una gran buzza.
Cà ad Dio /cad'dìo/ (FE) avv. · lontano, in un posto irraggiungibile, in culo ai lupi: indù sègna? A caddio!
Cà di Balùzzi /cadiba'lùzzi/ avv. (Casarini) · in fondo al mondo, lontano, a caddio: dove siamo? Siamo a -!
Cabézza /ca'bédza/ s.f. (BO) · Testa, exp. capellona: Vench ha una GRAN -!
Cagàre /ca'gàre/ v.tr. · dare retta: la Dany non caga! Cagàre la mòssa/Cagàre pari /cagare la 'mossa/ (BO) · (usato in forma negativa) cagare minimamente: la chiamo ma sta qua non caga la mossa!
Campanàre /campa'nàre/ t.intr. · Capire, arrivarci. Usato anche in forma transitiva seguito da parole scurrili come sega, pene: non campano più una sega: non capisco più niente. 
Cappèlla /cappèlla/ s.f.· errore di notevole peso, usato col verbo fare: che - che ho fatto!!!Cappellàre /cappel'làre/ s.f.· fare una cappella. 
Carnàccio /car'nàccio/ (BO) (dispregiativo: carnazzo) s.m.· materiale porno, specialmente una videocassetta o un giornalino.
Cappottàre /cappot'tàre/ v.intr. 1 ribaltarsi con un mezzo di trasporto: ieri ho fatto un incidente: ho cappottato la delta integrale, tre chili e mezzo di danno. 2 ribaltarsi mentalmente, per esempio bevendo, drogandosi, etc: hai visto Palline? E' cappottato da qualche parte...
Càrtola /'cartola/ (BO) s.m.· persona notevolmente stimata, in gamba, sborone in senso buono; letteralmente faccia (faccia tosta, sempre comunque in senso positivo): Mèeerda, che - che sei! Mèèè, che - che c'hai!
Casìna /ca'sìna/ s.f. · casa. 
Càssa /'càssa/ (BO) s.f. · ubriachezza, sbornia e/o stato mentale ad essa associato: oh, cioé, lascia perdere che c'ho una - addosso!Càssa imperiàle: cassa particolarmente marcata, gran cassa
Catturòne /cattu'ròne/ s.m. · azione violenta di brancare una persona, immobilizzarla e farle qualcosa di spiacevole, exp. usato in gergo militare.
Céffo /'céppfo/ (AR) s.m. · pirla, sciocco (a differenza di geppo non è uno stato d'essere ma riguarda un comportamento in particolare). 
Che bèlla cosa! /ké pèlle kò-zè/ (Kinta) · non vuol dir nulla più che in italiano, ma qui raggiunge una connotazione idiomatica.
Ciappìno (FE/BO): [anche ciapìno] 1cosa da poco (esempio forense: Questa causa è un -, questa causa ha un valore ridicolo; mettiti a lavorare, invece di star lì a far dei ciappini. 2 attività di natura "tecnica", particolare, minuziosa; Che fai di bello?  Ciàppo (FE) · Oggettucolo, piccola cosa: per esempio un fermaglio per capelli. Ciappinàre · Paciugare, smanettare intorno a qualcosa. Sta sempre lì a - col computer.
Cioccapiàtti (BO) · un casinista (chiedo ai bolognesi se hanno qualcosa da aggiungere).
Ciòrdo /'ciòrdo/ (FE) s.m. · imbranato, rimbambito, scemo. 
Ciòzza /'ciòtza/ s.f. 1(MO) ragazza chioccia, pettegola. Dicesi delle teen-agers che spettegolano a velocità ultrasonica, riempiendo il discorso di squittii, gridolini, risate più o meno sguaiate, sovrapponendosi in un intrico cacofonico di voci che richiama il verso delle galline chioccie, per analogia fonetica e contenutistica. 2  (BO) bugia. Ciozzàre /'tciot'zàre/ (MO) spettegolare da ciozze (nell'accezione modenese). 
Cipollàre /cipol'làre/ (BO) v.tr. · andare intorno a qualcosa, smanettare, pasticciare: Scusa, ieri ti ho cipollato il computer
Cìppa /'cìppa/ (RA) s.f. 1pene (propriamente parte finale): assaggia sta - di ca**o (Titta) 2filtro di camànzo. 
Cirpatrìce /cirpa'trice/ s.f. · Ragazza che te la fa nasare e sembra starci ma in realtà vuole solo accerchiarsi di quanti più uomini possibili, senza farseli (Tudech): La Daniela è proprio una gran cirpatrice
Còmpa /'còmpa/ compagnia, nel senso di gruppo con cui si sta in balotta. 
Còtto /'còtto/ s.m. 1stanco, provato, distrutto fisicamente: ho corso per un'ora e ora son -!2 fuori, ridotto a uno straccio per vari motivi: dopo tutte ste birre sono proprio -! Còtto come un melòne: particolarmente fuori. 
Crìcca /'crìcca/ (FE) s.f. · sporco, specialmente quello della pelle: dopo il lavoro c'ho una - addosso che mi devo lavare persino col sapone!Criccòne /cric'còne/ s.m. · zozzone, uno che s'incricca spesso: mè, che - che che sei, quant'è che non ti lavi?
Cuccàre /cuc'care/ v.tr. · aver successo nell'intorto: oggi Giuà ha cuccato in discoteca!
Cùccio /'cùccio/  1scossone: mè, chi è quel grezzo che mi ha dato un -?!?. 2 tiro di sigaretta: dammi un -, va', che non le ho oggi!
Cùlo, stàre sul /stàre sul 'culo/ (BO) v.intr. · avere poca voglia di fare qc, avere a noia: mi sta sul - venirti a prendere stasera fin dopo il Maggiore! Nota:"Principalmente usato dalle donne per ovvi motivi fisici..." (Giovannini
Dàrci a mùcchio /'dàrci a'mùcchio/ · rinunciarci dopo svariati tentativi: Come va con la biondina? Lascia perdere! Ormai ci ho dato a mucchio...
Dar su /dàr sù/ v.intr. 1lasciare perdere: stavo studiando Elettrotecnica ma poi gliel'ho data su. 2 provarci apertamente con una: guarda moh Gallo che dà su a quella tipa!!!
Dòlce /'dolce/ (AR) s.m. (anche pronunciato dolz) ·  un po' geppo, pirla, ingenuo, impacciato, sfigato. Majjal, cum tiè dolz!
D'un'altra /dun'àltra/ avv. (BO) · d'un'altra categoria, tutt'un'altra storia: hai visto la homepage di Rolando? E' -!!!
Fàme/'fàme/ s.f. · Voglia, appetito di tipo sessuale, o comunque correlato a rapporti psicologici nei rapporti tra giovani donne e giovani uomini, exp. usato da uomini per queste ultime: Ice ha proprio una gran -!
Fànga /'fànga/ s.f. · scarpa. 
Fàre il dànno /'fàre il 'dànno/ v.intr. · fare una cosa fatta male, dannosa per maldestria o sbadataggine (non sembra ma è idiomatico!): ti avevo detto che se ti muovevi così poi facevi il danno!
Fattànza /fat'tàntza/ s.f. · essere fatti, cotti: c'ho una - addosso che non mi reggo in piedi!Quando la - diventa grande e la tua testa si fa pesante (Gem boy). 
Fàtto /'fàtto/ s.m. 1 cotto, o più propriamente drogato, comunque in condizioni psicoattitudinali non di default: oh, cioé, son - duro! 1 rafforzativo, che sta per incredibile, notevole: che - idiota!
Fèrro /'fèrro/ s.m. · mezzo di locomozione motorizzata: whé, vecchio, che ferro che hai sotto al culo!
Fìglio /'figlio/ · ragazzo, spesso accompagnato a giudizi negativi: ma com'e' messo quel -?!?
Fòtta /'fòtta/ (BO) s.f. · voglia irresistibile: ho una gran - di far sesso.
Frégo (PG) · ragazzo, (amico).
Fùngere /'fùngere/ (AR) v.intr.· funzionare: cos'ha il computer? L'hai messo a posto? Sì, ma non funge lo stesso!
Fuòri, éssere /esser 'fuòri/  v.intr.· aver perso le proprie capacità per colpa di donne, alcool o droghe; spesso usato nella forma: oh, ma sei fuori?!? Esser fuori come un balcone/ come un culo/come uno zerbino/dai coppi: essere particolarmente fuori.
Gàggio /'gàdgio/ (RN)  agg. · rosso.
Gàtta, andàre in /andare in'gàtta/ (BO) [anche: fare la gatta] v.intr. · ubriacarsi.
Géppetto /'géppo/ (BO) (anche in Jack Frusciante!) s.m. · vedi geppo.
Géppo /'géppo/ (BO) (forma contratta di geppetto) s.m. · stupido, o ingenuo, in generale poco sveglio: Diego è un po' -, ma io gli voglio bene lo stesso
Ghèllo /'ghèllow/ s.m. (BO) · soldo, usato nella forma negativa: non ho un -: non ho un soldo. 
Ghiacciàre  /ghiac'ciàre/ v.intr. (o anche inchiodare) · frenare bruscamente col proprio mezzo. 
Ghìgna /'ghìgna/ (BO) s.f. · risata. Farsi 2 -: farsi due risate in compagnia. 
Giànda /'giànda/ (FE) s.f. · vacca, troia. Conosci la Samantha? E' una gran giandona!
Giàndo /'giàndo/ (BO) s.m. · alto. Conosci Danilovich? E' una gran giandone!
Giandòne (FE/BO) · ingenuo, bambinone, un po' pirla.
Giòtta /'giòtta/ (BO) s.f. · grassottella, alla lettera rotonda (da giotto=cerchio) 
Gìro /'giro/ (BO) s.m. · a sto -, questa volta. 
Gìro del prugnòlo /'gìro 'délpru 'gnòlo/ (Pianoro) s.m. · giro stupido che consiste nell'andare da A a B passando per un C che non è neanche lontanamente comodo: Veh moh che navigatore che sei: dovevamo fare appena un chilometro e tu ci stai facendo fare il -!
Grìccio /'grìccio/ s.m. · tirchio, che non vuole spendere tanto (e di solito preferisce scroccare ad altri): Aladano è un gran griccione.
Gubbiàre /gub'biàre/ v.intr. · dormire, poltrire, fare un pisolino. Gubbiàta: pisolino.
Gùfo /'gùfo/ s.m. (MO) · vigile urbano. Gufàre /gu'fàre/ v.intr. · portare iella: tirare una gran gufata: gufare per benino.
Guzzàre /gutt'zare/ v.tr. · Fare sesso, all'amore: guzzare qu, copulare con qu.
Iàzza /'iàtza/ s.f. · sfortuna, iella: Mé, che iazza che porti!!!
Imbarcàto /imbar'càto/ v.tr. · Innamorato, affetto da cotta (imbarcatura): sono proprio imbarcàto della Silvia, sono ancora cotto di lei (Giovannini).

Imbastìto /imba'stìto/ (MO) · legato nei movimenti, goffo: ma quanto sei - oggi?!?
Impàsto /im'pàsto/ s.m. (BO) ·  Goffaggine intrinseca nell'agire, usu. non cronica: mè, ma che - c'hai oggi? Impastàto /impa'stàto/ s.m. (BO) ·  Persona che ha un impasto: cacchio Ric ma quanto sei - col motorino?
Inchiodàre /inchio'dare/ v.tr. · Fermare una o più tipe con il chiaro intento di intortarle. 
In cùlo ai lùpi /inculoai'lupi/ (BO) · Lontano, sperduto (exp. usato per il moto a luogo): ma dove cacchio stiamo andando? In culo ai lupi!
In cùlo al mòndo /inculoal'mondo/ (BO) · Lontano, sperduto (exp. usato per lo stato in luogo): ma dove rimane Argelato? In culo al mondo!
Infòio /in'fòio/  s.m. · Esaltazione per qualche cosa: ora Zerbo ha l'- della homepage. Infoiàto /info'iàto/  s.m. · Esaltato, invasato per qualcosa, col chiodo fisso: Enrico è - coi computer e poi non studia
Infuocàto /infuo'càto/  (BO) s.m. · Esaltato, invasato per qualcosa, col chiodo fisso: Enrico è - coi computer e poi non studia.
Intappàto /intap'pàto/ (BO) s.m. · vestito bene: guarda Baietti com'è intappato: che maraglio!
Intortàre /intor'tare/ v.tr. · Provarci con una o più tipe facendo il simpatico. Intòrto /in'tòrto / s.m. · Atto di intortare, o anche fase di una serata in cui una persona ci vuole provare con tutte quelle che capitano: vieni in bagno con me? No, sto qui, sono in fase intorto! Intòrto furénte /in'tòrto fu'rénte/ s.m. · Intorto particolarmente peso o spudorato o prolungato.
Ladràre /la'dràre/ v.intr. ·  barare. Mi hai guardato le carte? Non ladrare, bastardo! Ladràta /la'dràta/ s.f. ·  furto, nel senso di cosa disonesta, o inganno. Che ladrata la birra in sto pub!
Légno, di /di'légno/ ·  (superlativo: di plastica) Fetecchio, inutile: la mummia ciclopica è -! Meglio 2 tette di plastica che una figa - ! (Sky Zamboni).
Litròne /li'tròne / ·  Boccale di birra da un litro. Chi si fa il litrone con me?!?
Lumìno /lu'mìno/  s.m. ·  terzo incomodo in una coppietta, presunta o tale: ieri sera c'ho provato tutta sera con la Chiara ma quello stronzo di Alfredo ha fatto il lumino e non abbiamo avuto neanche un minuto da soli!
Lùzzo /'lùttzo/ s.m. (BO) ·  pesante caduta, volo in avanti, capitombolo, ruzzolata per terra. 
Majjàl /mai'alFE wav/ (FE) · Interiezione tipica ferrarese, che esprime stupore: -, amè cascà al moturén intàl canàl!
Mandàrla /man'dàrla/ (RN) · Saperne, essere preparati, comunque eccellere in  una disciplina: Riccardo la manda in matematica | Luca la manda in filosofia
Mànico /'manico/ (FE) s.m. · bravo, abile nel fare qualcosa: Cesareo è un - con la chitarra
Manòne /ma'nòne/ s.m. · atto di masturbazione maschile. 
Ma va là / mà (DO)va'(SIb)(FA)/ (RN) [tipica inter. riminese] · Tipica interiezione riminese, che sta per: è impossibile, non la vedo così; si noti l'inflessione musicale, tipica appunto della zona di Rimini. 
Maràglio /ma'ràglio/ (BO) s.m. · burino, sborone (usato nell'accezione negativa). 
Maròne /ma'ròne/ s.m. 1 (MO) errore, sbaglio. 2 (BO) usato in forme negative, tipo non capire un -: non capire nulla. 
Marcàre /mar'care/ (FE) v.tr. 1 provarci con una ragazza. 2 (v.intr.) apparire: marca male!, Non è bello se ci vedono!
Mèrda! /'méééééérda! wav/ s.f. (BO) · interiezione/intercalare tipica/o bolognese, spesso usata/o nella forma contratta 'mééééé!'.
Mésso /'méssho/ s.m. · smasato: [come] sBOei messBOo (si può omettere il 'come')?!? Come sei apparecchiato? 
Minèlla /mi'nèlla/ s.f. · (usato nel calcio) tiro particolarmente forte.
Mòccolo /'mòccolo/ s.m. · parte dai colori variabili tra il giallo e il verdognolo uscente dal naso (di consistenza gelatinosa), altresì nota come muco nasale (credo!): vuoi un fazzoletto? Ti sta colando del moccolo! Règgere il mòccolo /'règgere il'mòccolo/ v.intr. · fare il lumino. Se porti quella tua amica gnocca bene, sennò niente, non ho mica voglia di reggervi il moccolo tutta sera, sai?!?
Mòna (Veneto) [letteralmente 'vulva'] 1 figa, ragazza: bea -! Bella figa. 2 pirla (tipicamente veneto): te xé propi un  - !
Morsàre /mor'sare/ (FO) v.intr. · provarci con una ragazza. 
Muràto /mu'ràto/ s.m. (BO) · posto sovraffollato: ieri sono stato al Ca' de mandorli ma era -!
Mùsta /'mùsta/ s.f. (BO) · smorfia, faccia che si fa. 
Ne sa /ne'sà/ (dal verbo saperne) (BO) 1 è una buona idea: di andare alla Morara stasera - a tronchi, no?!?  2 è molto preparato a riguardo: quel figaccio di Riccardo di Meccanica Razionale - a pacchi!
Oca /òca/ (GBM) s.n.·merda.
Ohi! /'òji/ inter. · interiezione con accezione positiva. Ma lo fanno apposta a portare delle minigonne così corte? Ohiiii! (Gem boy)
Pàcco /'pàcco/ (BO) 1 parte del corpo maschile ubicata intorno al membro virile: porcona! Mi hai toccato il -! 2 Delusione, deludente, brutto: quella di ieri è stata una serata pacco. Domani ho il turno pacco: mi alzo alle 5! 3 Bidone: spiegami il pacco ieri sera! Tiràre il pàcco /ti'ràre il 'pàcco/ · Bidonare. 
Paciugàre /paciu'gàre/ v.intr. (FE) 1 lavorare intorno a qualcosa per hobby, o per tentativi. (L'accezione è di farlo in modo poco professionale, o cmq senza cognizione di causa). "Sto paciugando col Photoshop per poter scurire le immagini ma non ci riesco!!!" / "Hai paciugato coi comandi dell'autoradio?!? Non riesco più a sentire RadioMaria!!!"
Paciùgo /pa'ciugo/ m.s. (FE) 1 (fig.) errore, guaio (eventualmente dato dalla mescolanza di tante cose): guarda che - hai fatto in quel disegno! 2 spazzatura, mondezza: butta 'sta roba nel -!
Pàglia /'pàglia/ s.f. ·  sigaretta. 
Pànico, essere messo da /èsser mésso da'pànico/ ·  avere un grosso problema (permanente o accidentale): essere sfigato, aver detto/fatto una cagata: cioè, sei messo da panico!
Pedàle /pe'dàlFEe/ s.m. (FE) · (si noti la 'elle' ferrarese) ricchione. 
Pétta /'pétta/  (FE) s.f. ·  parte dei capelli di coloro che li portano un po'lunghini ma non troppo e che terminano quasi senza motivo sul collo (dettato dalla pigrizia di non volerseli tagliare) 
Pìccio /'pìtcio/ (BO) s.m. · oggetto per accendere: dammi un piccio: dammi da accendere. 
Pèzza /'pezza/ (BO) s.f. · intraducibile di per sé, ha senso invece nelle due frasi: Attaccàre una pèzza: parlare con una persona oltre il desiderio di quest'ultima intrattenendola con discorsi che non le interessano: più spesso accade nei rapporti tra giovani uomini e giovani donne: ieri sera Riccardo mi ha attaccàto una pezza sugli integrali che non lo si reggeva! Mollàre la pèzza: chiudere questo tipo di rapporto: molla la -! Togliti dalle scatole.  Impezzàre: attaccare una pezza, intomellare, (raramente) inchiodare o intortare.

Pìlla /'pìlla/ (BO) s.f. · soldi. Vieni con me in disco stasera? Mi sa che passo per stasera: c'ho poca pilla! Essere in pìlla /'pìlla/  s.f. · avere i soldi: andrei a vedere il Bologna a Siviglia ma non sono per niente in pilla.
Pìppa /'pìppa/ s.f. · atto di masturbazione maschile.
Polàcca, bére alla /'pòlacca/ s.f. · bere tutto d'un fiato, fare un piombino, usque ad fundum. Polaccàre /polac'càre/ · idem. 
Pòker /'pòcher/ s.m. · almeno quattro due di picche in una sera: Hai attaccato pezza a qualcuna in disco? Taci che ho fatto poker!
Pòllege /all'inglese: come college ma con la p iniziale/ s.m. · interiezione che sta per: Oh, cioé, pollege!!!
Polléggio /pol'léggio/ s.m. · stato umano di forte rilassamento unito a fancazzismo totale: sto da Dio: sono in - totale. Polleggiàto /polleg'giàto/ s.m. · persona che si trova in polleggio, tranquillo, anche usato come esclamazione: allora, mi dai la pilla? Oh, beh, polleggiato, ecco qui il tuo deca!
Pòlo /'pòlo/ s.m. · freddo notevole: c'è un gran - stasera! C'ho un gran - addosso!
Pòme /'pòme/ s.m. · forma contratta per pomeriggio: di mattina dormo, di pome studio.
Pugnalàrsi /pugna'làrsi/ v.intr. · farsi una raspa.
Pùla /'pùla/ s.f. (anche pùlla) · polizia, o più in generale le forze dell'ordine: rallenta, vecchio, abbiamo la pula dietro!
Préndere in mèzzo /'préndere in'mèdzo/ (BO) v.tr. 1 coinvolgere una persona in un gruppo che magari prima se ne stava un po' in disparte, allo scopo di farla divertire, prenderla in giro, etc: Ti sei divertito ieri sera? Sì: dopo un po' mi hanno preso in mezzo e mi sono ambientato! 2 prendere in giro, per il culo, ridicolizzare (con l'accezione precedente di metterla al centro dell'attenzione): povera Kinta, ieri sera l'hanno un po' troppo presa in mezzo!
Pulsàre /pul'sàre/ v.intr. · insistere su una cosa in maniera fastidiosa: Ha iniziato a pulsarmi con la storia delle vacanze...
Radìcchio, andare a /an'dàre a ra'dìcchio/ idi. · andare veloce (IT), a manetta (MI), a tutta randa (FE). Curva a radicchio (BO) curva con angolazione q>p/2 presa velocemente (Giovannini). 
Ràcchia /'ràcchia/ s.f. · ragazza brutta.
Ràgno /'ràgno/ (FE) s.m. · tirchio.
Ràspa /'ràspa/ (FE) s.f. · atto di masturbazione maschile. 
Ravanàre /rava'nàre/ (FE) v.intr. · paciugare, rovistare, guardare: smettila di - intorno a quel cassetto!
Régaz /'régatz/ pl.m. · ragazzi: bèla regaz! (wav) ciao ragazzi! 
Ricchiòne /ricchiòne/ (anche récchione) · Omosessuale. 
Rìnco /'rìnco/ s.m. · forma contratta per rincoglionito (con accezione più affettuosa): scusate, oggi sono un po' rinco.
Riprénditi /rip'rénditi/ · frase tipicamen te rivolta a un geppo o a uno che ha detto una cagata auspicandogli di riguadagnare il senno perduto (se mai possibile): ma come sei smasato? riprenditi, figlio!
Ròito /'ròito/ (FE) s.m. · brutta ragazza. 
Ròzzo /'ròtzo/ (FE) s.m. · mondezza, spazzatura. Specialmente usato per brutte ragazze.
Rugàre /ru'gàre/ v.intr. · dare fastidio, scocciare. Mi rughi un tot! (Gem Boy) Mi ruga un po' andare fin là! 
Rùsco /'rusco/ (BO) s.m. · mondezza, spazzatura. 
Sàlsa /'shòòlsha?!? wav/ (Lugo) v.tr. · il significato è l'usuale, ma non dovete perdervi la pronuncia di un venditore lughese di patate fritte: Salsa???
Sassàre /sas'sàre/ (BO) v.tr. · cacciar via, congedare in malo modo (per persone), buttar via (per cose): perché ieri mi hai sassato via a quel modo?
Sbòbba /'sbòbba/ s.f. · liquido generico di brutta apparenza, tipo: minestrone di ingredienti incogniti o (spesso) sperma: cos'è sta sbobba?!?
Sbocciàre /sboc'ciàre/ v.int. · esordire con, uscire con una trovata: non mi sbocciare con questa cagata! Non mi uscire con questa cagata!
Sboròne /sbo'ròne/ s.m. · uno che se la sburra, che fa il fico (spesso usato con accezione positiva, ma dipende dal tono) e' sburòn de Bàccara: archetipo del tipo più sborone della Romagna.
Sbràgo /'sbràgo/ s.m. (FE) · divertimento causato da un avvenimento esilarante: hai visto Ace Ventura? Che -!
Sbugamàre (FE) v.tr. ·  rovinare qualcosa, renderlo inservibile o comunque difettoso in seguito a usura. Cos'hai fatto al walkman che ti ho prestato?!? E' tutto sbugamato, non è che ti è caduto?
Scaràccio /sca'ràccio/ s.m. · sputo. Scaracciàre /scarac'ciàre/ v.intr. · sputare.
Schienàto /schie'nàto/ s.m. · spossato, distrutto fisicamente, cotto, alla frutta. 
Scrìvo, me lo /'mélo 'scrìvo/ v.tr. ·  non ho speranze, il discorso è chiuso: di dare 3 esami sta sessione -!!!
Scrìvo, te lo /'télo 'scrìvo/ v.tr. ·  non hai speranze, il discorso è chiuso, lascia perdere: Ora che ti ho mangiato la regina -!
Scròcco /'scròcco/ s.m. · arte o atto del chiedere ad altri parte di ciò che hanno, specialmente beni di consumo come cibo, bevande e sigarette, spesso rendendosi odiosi. Scròcco furénte /'scròcco fu'rénte/ s.m. ·  scrocco portato a limiti estremi. 
Scroccòne /scroc'còne/ s.m. ·  uno che ama scroccare, cioè praticare uno scrocco.
Sgargiolìno /sgargio'lìno/ s.m. (FE) ·  sboroncello, in tono affettuoso. 
Sguràre /sgu'ràre/ v.tr. · pulire. 
Séga /'séga/ s.f. · atto di masturbazione maschile. 
Sgamàre /sga'màre/ v.tr. · beccare, pizzicare. Ti ho sgamato!
Sghétto /'sghétto/ (FE) s.m. · colpo di fortuna, farcela per un pelo: Ac sghèt che t'è fat!

Smanettàre /smanet'tàre/ (FE) v.intr. (letteralmente, masturbarsi) ·  paciugare intorno a qualcosa, exp. a gran velocità. Smettila di - con quel joystick, che finisci col sbugamarlo!
Smaronàto /smaro'nàto/ s.m. · di cattivo umore tendente più al depresso che all'aggressivo. 
Smasàto /sma'sàààto/ (FE) · conciato, apparecchiato: ma come sei -? 
Sòchmel /mp3 wav/ (BO) succhiamelo (interiezione tipica di Bologna): la mia prima volta è stato con mia cugina... -!
Spagliòne /spa'gliòne/ (BO) · spanizzo. 
Spanìzzo /spa'nìtzo/ 1 sborone che non può permetterselo: Gallo fa un po' troppo lo -. 2 generoso. 
Spianàto /spian'àto/ (FE) · messo: ma come sei -? Come sei messo? 
Spìnge /'spìnge/ v.intr. (BO) · attira, si guarda volentieri: quella biondona - una cifra!
Spòsta /'spòsta/ v.intr. (BO) · altera le condizioni precedentemente instaurate (in sua assenza): quella carta di magic - una cifra: non dovevano farla!
Stiàno /sti'ano/ (FE) s.m. · Ragazzo. 
Stòria /'stòria/ (AR: zturia) s.f. · fatto incredibile o ricco d'interesse: oh, cioè, che storia!
Stracciàre /strac'ciare/ (BO) v.tr. 1Vomitare: ho stracciato l'anima: ho vomitato tutto il vomitabile. 2Passare senza fermarsi violando la legge: stracciare il rosso, stracciare uno stop.
Sùbito /'sùbito/ · rafforzativo che sta ad indicare che non c'è speranza: se giochi quella carta sei subito cadavere (Aether)
Svariòne (FE) · giramento di testa, o comunque inadempienza fisica dovuta ad alterazioni procurate exp. da droghe o altro: mè, iera sera mi son fatto 2 litroni dopodiché m'è sceso uno - che non c'ho visto più!
Taccàgno /tac'càgno/ s.m. · spilorcio, ragno, tirchio.
Taffiàre /taf'fiàre/ (BO) v.tr. · mangiare. 
Tamàrro /ta'màrro/ s.m. · uno che veste e si atteggia da sborone, specie con canottiere attillate, gel e muscoli bene in vista. Molti comacchiesi sono dei gran tamarri
Tampinàre /tampi'nàre/ (BO) v.tr. · seguire, pedinare. 
Tamùgno /ta'mùgno/ (FE) s.m. · tosto, massiccio, usato anche per le persone: majjal, se sei - adesso che fai palestra! Quel livello è molto -!
Tanàre /ta'nàre/ s.m. · scoprire,  beccare, cogliere in flagrante: mi raccontava un mucchio di cagate ma io l'ho tanato subito.
Tarellàre /tarel'làre/ (BO) v.intr. · andare a manetta, in fretta. Tarella di brutto: ci tira un casino.
Tàsso /'tàsso/ (FE) s.m. · rumore, casino, baccano. Fate poco - voi due, zio càntant!
Telàio /te'làio/ (BO) s.m. · fisico, corpo, o anche insieme di varietà bidimensionali di R3 parametrizzate su un corpo infinitamente derivabili tranne al più su un insieme numerabile di punti (exp. usato per il corpo femminile): oh, guarda lì che figa! Oh, cioé, ma che - c'ha?!? (Gem boy)
Tìro /'tìro/ s.m. 1 respirata di una sigaretta: mi fai dare un -?. 2 pressione del tastino (di solito ubicato sotto al citofono) che apre il cancello (o il portone) di un condominio (o casa). Pizza! Che, mi dà il -?
Tòco de mòna (VE) · [letteralmente 'pezzo di mona'] fesso, mona.
Tomèlla  /to'mèlla/ pezza. Intomellàre: impezzare, attaccare una tomella: Ridge m'intomella con la sua chitarra: Ridge non la molla più. 
Tòso (PD) · ragazzo.
Totàle /to'tàle/ s.m. 1 notevole, incredibile, fico: quella carta è totale 2 un totale: molto, un mucchio: quella ragazza mi piace un totale!
Trànqui /'tranqui/ s.m. · [abbr.] Tranquillo: è una bazza -!, è un grande affare. 
Trimmàre /trim'mare/ (Guidorzi) v.tr. · tagliare, o forse approssimare: E' difficile avere 2,91667 prede: eh, eh... bisognerebbe - opportunamente una preda!
Trìp /'trìpp/ (ingl., ad Argenta è anche pronunciato tràipp o tràippz) s.m. · viaggio, mania, fissazione mentale: mi è venuto il - degli mp3! Intrippàre: v.tr. · impezzare qu con un trip che magari questo non condivide: Simone mi ha intrippato tutta la sera coi suoi computer! Intrippàto s.m. · affètto da trip, nell'accezione di cui sopra; usu. usato in condizioni di fattanza. 
Tùnno /'tùnno/ s.m. · extracomunitario (più propriamente tunisino). 
Uàzza /'uàttza/ s.f. ·  (RA) fattanza, cassa, ubriacatura: che -!
Vantàggio Panàtta /van'taggiopa'nàtta/ s.m. ·  (BO) affare da poco, proposta poco conveniente: mi hai dato un bel -!, bell'affare che mi proponi! [Storicamente tratto dal fatto che Panatta, quando era ancora giocatore ed andava ai vantaggi, li sprecava tutti.]
Vècchio /vec'chio/ (BO) s.m. · [exp. usato dalle finte cartole] ragazzo, amico, usato per indirizzarsi a tali persone: oh vecchio hai da accendere? Bela vecchio, cum vèla? Whelà, come andiamo? 
Vèrra /'vèrra/ (FE) s.f. · Botta di fortuna, con l'accezione di sorte sfavorevole che muta in ultimo in fortuna: t'è fat la vèra! Sei stato assai fortunato. 
Zàgno /'zàgno/ s.m. · freddo, polo. 
Zèro /'zèro/ s.m. · Senza valore: a me proprio zero! Non me ne frega niente. 
Zipparìna /tzippa'rìna/ (FE) s.f. · Ragazzina (di quelle piccole che già si tirano e se la tirano): ah adesso te la fai anche con le zipparine?
Zompàre /zom'pàre/ v.intr. · saltare, nel senso di saltare addosso a qualcuno.
Zòzzo /'tzottzo/  (FE) s.m. · sporco, lurido: sono tutto -, corro a farmi una doccia. Zozzòne /tzott'zone/ (FE) s.m. 1 persona usa ad essere zozza, o zozza in quel peculiare momento. 2 persona che ama vedere film porno o fare porcate di tipo sessuale, maniaco: fuori dal mio letto, -!
Ztùria /'zturia/ (FE) s.f. · Storia, nel senso giovanile del termine: che -!, che bella cosa! 
Zumàta /dzu'màta/ (Quatter) s.f. · atto sessuale, con accezione affettuosa: se sputi sul tuo Cuore ci facciamo una bella zumata! (Quatter)

 


 

 
Make Text Bigger Make Text Smaller Reset Text Size

Menu Utente

Phoca Gallery Menu Module